L’Italia e la Libia geograficamente sono vicine , quasi a confine. Ci sono state e tutt’ora ci sono guerre ed è, quindi, un territorio molto pericoloso. Per certi versi l’intervento militare in Libia è giusto anche se mi rendo conto che si tratterà,comunque,di una operazione estremamente difficile e piena di rischi. Non possiamo assolutamente tralasciare che ogni iniziativa sulla Libia venga intrapresa da nazioni varie che potrebbero avere interessi economici in quell’area che è un territorio estremamente vicino ai nostri confini. Quindi non possiamo ignorarne la vicinanza e necessariamente la nostra partecipazione nelle eventuali azioni di ripristino di una normalità nello Stato libico. Ci sono vitali interessi e l’Italia non può non rimanere indifferente o seguire “eccessivamente” una linea pacifista. L’intervento può essere contenuto,limitato ma deve avvenire quasi come se fosse una “ragione di Stato” e non dobbiamo permetterci di creare condizioni favorevoli ad altri che, magari , possano avere mire per avvicinarsi in una zona di “nostra” pertinenza.

0
Commenti
  1. Marco 5 anni ago

    ciao salvo999 !
    Condivido alcune tue affermazioni, hai prodotto un lavoro su un argomento difficile da trattare , bisogna prendere una posizione e non

  2. mikyreporter 5 anni ago

    Condivido pienamente ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account