Ci sono cose da non fare mai, né di giorno né di notte, né per mare né per terra: per esempio, la guerra.
– Gianni Rodari
Concordo pienamente con questa citazione di Gianni Rodari. Purtroppo oggi si sente troppo spesso parlare della guerra e delle sue conseguenze: troppi morti. In questi giorni si è aperto un dibattito su un eventuale intervento in Libia ma il premier Renzi ha bloccato dicendo di no.
La nostra Costituzione vieta di partecipare a qualsiasi conflitto bellico e ciò lo possiamo giustificare guardando i dati di una delle guerre più disastrose che ci sono state: la Seconda Guerra Mondiale. Oltre a 56milioni di persone, tra soldati e civili, hanno perso la vita. È stata dunque una guerra combattuta non solo tra le trincee ma anche tra le strade delle città. I cittadini vivevano in uno stato di terrore, difficile da immaginare se non vissuto in prima persona.
Dico quindi il mio NO alla guerra perché non è giusto che muoiano tante persone. Non ha senso la vendetta perché porta sempre ad altra vendetta e se tutti credono nell'”occhio per occhio, dente per dente” i conflitti non si concluderanno mai e come disse John Fitzgerald Kennedy , l’umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra porrà fine all’umanità.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account