Sentiamo giornalmente parlare in tv di un quantità assurda di persone che muoiono ingiustamente. Prendiamo come esempio la strage avvenuta un po’ di giorni fa a Bruxelles, sappiamo tutti com’è andata e quanti morti e feriti sono stati contati; persone innocenti hanno visto improvvisamente la propria vita scivolargli dalle mani. Come loro altre centinaia e centinaia non solo in queste circostanze, ma anche nelle guerre o comunemente per strada.
Ultimamente sembra che la gente rimanga impassibile solo per il fatto che stanno accadendo così tante cose che ormai ci si è abituarti. L’impressione che si dà è questa. Sembriamo davvero impermeabili ai numeri, ci scivolano addosso come se niente fosse. In realtà non è così. In tutti noi, in momenti come questi in cui vengono raccontati avvenimenti così orribili e scioccanti, scatta almeno una scintilla di dispiacere e terrore. Non si può rimanere impassibili, sono cose e numeri che sconvolgono e fanno gelare il sangue.
La mente umana può anche essere molto molto evoluta, ma evidentemente non lo è abbastanza da eliminare, o perlomeno ridurre,queste stragi che stanno diventando innumerevoli e senza fine.

0
1 Comment
  1. nicotiri 5 anni ago

    Ciao,
    hai scritto un articolo semplice, ma che va diritto alla questione. Infatti sembra che tutto scivoli via e che si pensi domani

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account