Il terrorismo si sta sviluppando notevolmente, causando vere e proprie stragi. Differenziare le morti non è una cosa corretta, i deceduti devono essere tutti considerati allo stesso modo: senza distinzione di Nazionalità, sesso e quantomeno religione. Quotidianamente arrivano notizie di nuovi attentati e questo provoca terrore in tutte le case della popolazione, portando tristezza e dolore. Mercoledì 29 marzo c’è stato un ultimo attentato a Bruxelles che ha causato 31 morti, tra cui un italiano. Quest’ultimo ha colpito principalmente i nostri cuori perchè tra le vittime c’era un nostro connazionale, cosi come in quello di Parigi. Le persone danno più importanza ai morti della propria Nazione che a quelli stranieri,sia perchè si sentono toccati da vicino,sia perchè i giornali mettono più in risalto le notizie riguardanti attentati nei quali sono morti i propri connazionali; quindi i giornalisti hanno grosse responsabilità nell’informare su questi drammatici eventi e visto che non esisitono morti di “Serie A” e di “Serie B”, dovrebbero prestare la stessa attenzione per tutti i defunti.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account