Come si può facilmente notare, la tecnologia si sta evolvendo in ogni settore.
L’ innovazione tecnologica si sta orientando nel costruire sistemi automatici, ovvero robot, sempre più in grado di simulare il comportamento umano.
C’è da dire che, ormai, i robot hanno sostituito l’uomo nei lavori più ripetitivi o con elevati livelli di rischio. Come conseguenza, direi, che con il passare del tempo, questi sistemi sono diventati sempre più complessi e in grado di sostituire l’uomo in attività che fino a pochi anni fa si riteneva impossibile che potessero svolgere!
Il problema “salta fuori” nel momento in cui la tecnologia si avvia a superare la manodopera e quando i robot iniziano ad insidiare i lavori che di diritto spettano agli umani. Tutti quanti ci domandiamo quali siano i mestieri che probabilmente spariranno a causa dei robot. Una risposta precisa non sono in grado di darla: solo il futuro lo sa con certezza! Ribadisco che lo sviluppo tecnologico ha permesso di creare strumenti che un tempo neanche si immaginavano. Dunque mi chiedo se la tecnologia stia facendo passi tanto grandi da riuscire, in un futuro prossimo, a sostituire ovunque l’uomo. Se prendiamo, ad esempio, in considerazione il settore agricolo, negli ultimi anni sempre più contadini stanno perdendo lavoro a causa dell’introduzione di macchine nei campi. Un altro ruolo che rischia di essere sostituito dai robot potrebbe essere quello della badante: questo è uno di quei pochi mestieri, che ti fa stare davvero a contatto con le persone, specialmente alle persone anziane, che hanno sicuramente bisogno in casa di un aiuto in più.
Concludo dicendo che in alcuni casi l’impiego di macchine possa rivelarsi molto utile e veloce, ovviamente tutto questo sotto la supervisione dell’uomo.

LUCA MANCINI

0
1 Comment
  1. ricanews 6 anni ago

    Articolo ben sviluppato, esposto in modo abbastanza chiaro e scorrevole. Il titolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account