Ormai possiamo dire che la morte è all’ordine del giorno. Infatti quotidianamente sentiamo al telegiornale persone che perdono la vita, causa principale la guerra. Praticamente non si può nemmeno fare un viaggio con la propria famiglia in modo tranquillo, perché il pericolo è sempre dietro l’angolo.
Ma allora siamo diventati impermeabili alle vittime delle guerre e del terrorismo? La mia risposta è certamente negativa. Infatti credo che mai nessuno potrà diventarlo, perché tutti quando sentiamo una persona che perde la vita diventiamo tristi e pieni di dolore, pensando a gente innocente che non potrà mai più sorridere e godersi la vita. Sinceramente io sono una persona molto sensibile, perciò nel sentire queste tragedie ancora di più riempio il mio cuore di tristezza, immedesimandomi nel dolore della famiglia della vittima, ad esempio.
Perciò possiamo definirci quasi abituati alla morte per la guerra o per il terrorismo, ma certamente non insensibili e impermeabili, perché mai nessuno potrà sorridere per la morte di persone, in special modo se esse sono del tutto innocenti.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account