Quante guerre e quanti morti al giorno d’oggi. Un numero esageratamente alto di persone muoiono ogni giorno a causa di stragi, guerre e omicidi. Ne sentiamo ormai di tutti i tipi, leggiamo quotidianamente notizie scandalose di persone morte ingiustamente. Tutto questo è diventato ormai un’abitudine? Siamo ormai insensibili e impermeabili a tutto quello che sta succedendo?
Assolutamente no. Solo perché ormai il mondo straripa di morti e feriti non vuol dire che tutto questo non ci interessi, anzi. In ognuno di noi, quando veniamo a conoscenza di fatti del genere, si accende una luce di terrore e incomprensione, di tristezza e dolore. Siamo coscienti che al giorno d’oggi non siamo sicuri nemmeno tra le mura di casa, e non possiamo far altro che pensare e ripensare all’accaduto sperando che una cosa del genere non capiti mai a noi.
Siamo umani. E’ ovvio che abbiamo anche un minimo di sensibilità unendoci al dolore di chi soffre per la mancanza di una o più persone.
Personalmente non sono affatto impermeabile a questi numeri. Essendo molto sensibile non faccio altro addolorarmi per l’accaduto, pensando a tutti coloro che hanno visto in un attimo la loro vita scivolargli dalle mani.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account