Batteria: carica. Database: aggiornato. Memoria interna: scansionata. Accensione: completata. I mie freddi occhi di vetro si illuminarono e scansionai il mio campo visivo, individuando la padrona di casa: dalla posa che aveva e dai feromoni che emanava, compresi che era adirata con qualcosa e/o qualcuno, forse me? Mi si avvicinò e mi disse: Risposi: La donna scosse il capo, chiaro segno di disapprovazione, e continuò il suo discorso: Feci un controllo nel mio database, per cercare se la frase detta in precedenza avesse dei riscontri, poi commentai: La padrona sbuffò, percepì che la sua rabbia era ora incentrata su di me: Detto questo se ne andò sbattendo violentemente la porta. Rimasto solo, mi misi a scannerizzare ogni stanza della dimora, rilevando solo 1% di patogeni in tutto l’edificio, merito del mio efficiente sistema di ventilazione e disinfezione dell’aria. Mi spostai nella sala da pranzo, dove si trovavano la padrona e suo marito, intenti a fare colazione e mi misi a pulire le briciole cadute a terra, grazie all’ausilio della membrana elettrostatica di cui sono rivestito, per poi conservarle in un apposito contenitore interno al fine di poter nutrire gli uccellini in giardino, come da ordine della padrona. La mia presenza era talmente discreta da non irritare o disturbare i padroni, ma abbasta visibile da attirare l’attenzione della padroncina Lucia, la quale ride vedendo il mio corpo emettere continue luci a causa degli aggiornamenti del mio software interno. All’improvviso le mie luci si spensero e avvertì l’istallazione di un nuovo software:La padrona, senza pensarci due volte, mi disse: Mi voltai verso la donna e le risposi… Feci una cosa fuori dal mio protocollo, un’azione, come dire, razionale, pensata, “intuita”: La stanza fu avvolta da uno strano silenzio, poi mi resi conto che stavo violando il mio codice di nascita: Una volta disinstallato, mi spostai vicino alla mia stazione di ricarica e lessi la frase incisa sul metallo:“ I robot sono nati dall’uomo per servirlo e aiutarlo nelle faccende a loro vitali o meno. Non sono ammessi comportamenti avversi all’umanità.” Questa è legge di noi robot… Però… Non ho idea di quanto questa legge possa essere ancora ritenuta inviolabile, da noi androidi.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account