L’ innovazione tecnologica si sta orientando nel costruire sistemi automatici (robot) che sempre di più cercano di simulare il comportamento umano e in particolare i meccanismi che contraddistinguono l’intelligenza sempre connessi con la capacità di ragionamento. Se già da tempo i robot hanno sostituito gli uomini nei lavori più ripetitivi o con elevati livelli di rischio, si sta ancora lavorando al fine di vedere nei prossimi anni dei computer guidare una macchina, accompagnare un anziano a fare la spesa o addirittura dirigere il traffico.
È sicuramente vero che con il passare del tempo questi sistemi sono diventati sempre più complessi e in grado di sostituire l’ uomo in attività che fino a pochi anni fa si riteneva impossibile che potessero svolgere. In molti film di fantascienza si immagina un futuro in cui i robot domineranno sull’uomo in quanto più abili, forti e intelligenti. Ma questi robot avranno sempre dei limiti: uno in particolare, la creatività, ovvero la capacità di inventare qualcosa di nuovo.
Sistemi di questo genere non potranno, nella vita reale, sostituire noi umani che siamo i loro creatori, i soli quindi chiamati a decidere come utilizzarli al meglio senza penalizzare il genere umano stesso

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account