l’uomo.
Fino ad oggi considerato l’essere più evoluto nella storia della terra.
Siamo nati sotto forma di animali e cresciuti sotto forma di macchine.
Abbiamo imparato a scrivere, mangiare e addirittura a metterci lo smalto.
Siamo diventate delle macchine in grado di riprodurre piccoli “noi”.
Senza accorgersi la fisica, la chimica e l’ingegneria si sono evoluti secondo il nostro stile di vita.
Probabilmente alcuni di noi sono stati filmati un po’ come nel film “the Truman show” dove il protagonista ignaro di tutto è diventato il protagonista della televisione.
le macchine ci copiano, ci seguono e si mimetizzano tra la folla.
La Nasa ha creato dei robot che grazie a dei sensori riescono ad imitarci in tutto.
I robot prenderanno piede nel mondo, ed un giorno non sapremmo più distinguere l’essere umano dalla macchina.
Forse l’unica differenza potrebbe essere che i robot non possono provare emozioni, ma come dire…anche molti umani non lo fanno!
il robot come macchina potrebbe diventare il nuovo presidente della repubblica oppure il nuovo sindaco.
Il robot potrebbe diventare il nuovo capo d’ufficio oppure un nuovo cantante. La scienza cresce ogni giorno.
Di sicuro le macchine hanno più probabilità di noi di non essere licenziate.
Le macchine conquisteranno il mondo e noi non potremmo fare altro che guardarci svanire.

Commenti
  1. ricanews 6 anni ago

    Articolo scritto bene, in modo chiaro e scorrevole. Sicuramente le prospettive da te presentate sono poco allettanti, anzi forse viste cos

  2. mikyreporter 7 anni ago

    Mi piace moltissimo il modo in cui hai deciso di affrontare l’argomento, lo stile

  3. Marco 7 anni ago

    Bello ed interessante il tuo post,prima di tutto mi ha incuriosito il titolo che ho trovato originale e poi, leggendolo ,sono d’accorto con te su alcune affermazioni quale ad esempio il fatto che molti umani non provano emozioni ed

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account