Prima scacchi, ora Go, domani, magari, ogni cosa: è la nostra perpetua voglia di migliorare, di superare i nostri orizzonti a spingerci a creare macchine uniche e potenti per svolgere compiti molto complessi, attività prima monopolio dell’uomo. Ma potremo mai essere del tutto sostituiti da aggregati di cavi elettrici e componenti dagli schemi astrusi? Arriverà il giorno in cui non ci sarà niente che noi possiamo fare e i robot no, che ci distingua, che ci renda utili? Tutte domande relative a un futuro lontano, magari utopico: è meglio concentrarci su ciò che la scienza ci promette, in un futuro molto più vicino di quanto pensiamo.
Saranno sicuramente vittime innocenti della robotizzazione tutti i lavori che, pur richiedendo contatto umano, consistono in routine o compiti semplici, facili da impiantare in un’intelligenza artificiale: badanti e accompagnatori, interpreti, forse addirittura insegnanti, e – perché no? – magari anche autisti; mai sentito parlare delle Google Car, auto in grado di guidarsi da sole rispettando i segnali stradali e le condizioni del traffico autonomamente? Ebbene sì, il futuro così inteso non è poi tanto lontano.
La grande diffusione di manodopera robotica porterà prevedibilmente a un netto aumento della disoccupazione. Potrebbe essere troppo presto per queste tecnologie, soprattutto considerando il difficile periodo in cui viviamo oggi. Ma non sappiamo cosa ci riserva il domani: forse un giorno sentiremo il bisogno di automatizzare ogni cosa, di abbandonarci alla tutela delle nostre stesse creazioni. È importante pensarci autonomamente: in fondo, è questo che ci rende umani.
Prima scacchi, ora Go, domani, magari, ogni cosa: è la nostra perpetua voglia di migliorare, di superare i nostri orizzonti a spingerci a creare macchine uniche e potenti per svolgere compiti molto complessi, attività prima monopolio dell’uomo. Ma potremo mai essere del tutto sostituiti da aggregati di cavi elettrici e componenti dagli schemi astrusi? Arriverà il giorno in cui non ci sarà niente che noi possiamo fare e i robot no, che ci distingua, che ci renda utili? Tutte domande relative a un futuro lontano, magari utopico: è meglio concentrarci su ciò che la scienza ci promette, in un futuro molto più vicino di quanto pensiamo.
Saranno sicuramente vittime innocenti della robotizzazione tutti i lavori che, pur richiedendo contatto umano, consistono in routine o compiti semplici, facili da impiantare in un’intelligenza artificiale: badanti e accompagnatori, interpreti, forse addirittura insegnanti, e – perché no? – magari anche autisti; mai sentito parlare delle Google Car, auto in grado di guidarsi da sole rispettando i segnali stradali e le condizioni del traffico autonomamente? Ebbene sì, il futuro così inteso non è poi tanto lontano.
La grande diffusione di manodopera robotica porterà prevedibilmente a un netto aumento della disoccupazione. Potrebbe essere troppo presto per queste tecnologie, soprattutto considerando il difficile periodo in cui viviamo oggi. Ma non sappiamo cosa ci riserva il domani: forse un giorno sentiremo il bisogno di automatizzare ogni cosa, di abbandonarci alla tutela delle nostre stesse creazioni. È importante pensarci autonomamente: in fondo, è questo che ci rende umani.

1 Comment
  1. Marco 6 anni ago

    Peccato ricanews avevi fatto un buon lavoro descrivendo le problematiche relative ai robot contro l’umano ma hai ripetuto gli stessi concetti in periodi diversi,forse

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account