Dalla rivoluzione industriale in Inghilterra l’uomo ha iniziato a confrontarsi con le macchine che aiutavano o sostituivano il lavoro manuale con una catena di montaggio che non si stanca mai e che ha un ritmo sempre costante.
Le nuove tecnologie hanno permesso di sviluppare macchinari, come anche il computer, che semplificano molte azioni che prima doveva fare l’uomo da solo senza sostegni o aiuti. I computer però sono diventati sempre più intelligenti fino a battere l’uomo in alcuni campi, nel 1996 il primo computer riuscì a vincere a scacchi il campione mondiale in carica ed ora i pc riescono a batterci anche in quiz di cultura generale e in alcuni sport.
Molti ruoli e compiti che gli operai avevano sono stati sostituiti da macchine specializzate, nonostante tutto, però, gli uomini non sono state soppiantate del tutto dalle macchine perché serve un controllo continuo del buon funzionamento e la manutenzione delle macchine stesse con controlli che fino ad ora sono fatti solo dagli umani.
Alcuni lavori sono destinati a scomparire sia perché nessuno vuole più farli, come ad esempio il calzolaio o il sarto, sia perché la tecnologia sembra essere più efficiente in qualsiasi campo.
Il classico postino in bicicletta diventerà sempre più raro anche perché ormai i documenti scritti sono tutti inviati per email e alcuni pacchi in America si sta cercando di farli consegnare da droni specializzati.
Anche l’insegnamento diventerà virtuale forse però non saranno solamente i computer a spiegare le nozioni ma rimarrà la figura dell’insegnante che lo userà come mezzo di comunicazione con gli allievi e come ottimo mezzo per fare lezione ognuno a casa sua e per condividere il materiale didattico online.
Il problema delle macchine è che sono fredde e non sono in grado, fino ad oggi, di capire psicologicamente ed emotivamente le persone. I computer però non potranno mai sostituire il lavoro artistico e manuale degli artigiani, almeno finchè questo lavoro verrà ancora apprezzato. E moltissimi lavori in ambito soprattutto medico non potranno essere completamente svolti da macchine intelligenti a causa della scarsa sensibilità e manualità.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account