Internet, dalla sua nascita negli anni sessanta, ha sempre fornito un notevole contributo alla società. Da allora sempre nuovi mezzi di comunicazione sono stati creati per le esigenze di grandi e piccini. Siamo arrivati oggi in un mondo per lo più costituito da mezzi tecnologici e in cui Internet viene usato normalmente tutti i giorni da noi e da milioni di altre persone. Ma siamo sicuri che l’utilizzo di tutte queste cose ci porti solo conseguenze positive? Dipende da cosa e da come usiamo le risorse che ci vengono date. Alcuni servizi che ci offre la rete sono veramente utili: per esempio, la possibilità di consultare enciclopedie e libri o di mandare messaggi da tutt’altra parte del mondo, ma anche comprare qualunque cosa che serva senza muoversi di casa o fare una miriade di altre cose. L’aspetto di cui però voglio parlare è un altro, ovvero che spesso dietro a queste cose utilissime troviamo quelle che voglio chiamare delle insidie, delle trappole. Per nostra sfortuna, ce ne sono tante e anche molto diverse le une dalle altre. Per esempio, la prima cosa che notiamo appena aperto un motore di ricerca è la pubblicità. Dai colori sgargianti e accesi, sembra quasi caricarsi prima ancora del logo del sito. Le frasi scritte sono tipo “Sei il milionesimo visitatore” o “Hai vinto mille euro”. Poi però le trovi anche la settimana dopo con lo stesso messaggio. Esse probabilmente nascondono delle truffe e il povero sciagurato che involontariamente ha cliccato l’icona si ritrova bombardato di virus. E questo è solo uno dei trabocchetti presenti sulla rete. Chi è poi che non è iscritto a un social network? Io, per esempio, e ho dei motivi. Ve li spiego. Sappiamo tutti a cosa servono i social come Facebook o Twitter. Servono a rendere visibili immagini o pensieri provenienti dal più remoto angolo della nostra mente ai nostri “amici” o coloro che ci “seguono”, gente con cui abbiamo una relazione sulla rete. A volte è già tanto se le persone si conoscono, nella vita reale. E con questa storia degli “amici”, c’è tanta gente che si spaccia per fedele seguace e poi invece è tutt’altro che questo. Anche a ciò che si posta bisogna fare attenzione: insomma, a chi piacerebbe vedere la propria faccia in foto bizzarre pubblicate e condivise una decina di anni prima. Chissà poi cosa ne pensa il datore di lavoro che aveva scelto te fra tanti e che quasi quasi ti stava per assumere. Bisogna sempre ricordarsi che da Internet poi le cose non le toglie nessuno. La rete è come una scatola magica, tutto entra, niente esce. L’ultima notizia che ho sentito invece riguarda alcune applicazioni a pagamento. Succedeva che alcune agenzie telefoniche cedevano il numero di telefono e altri dati personali in cambio di una percentuale del guadagno+. Ciò fa pensare: noi e i dati personali sono veramente al sicuro? Così ci dicono, poi il resto è affidato alla nostra responsabilità. Ciò che voglio dire è che bisogna stare attenti con tutto quel che c’è in rete. Dobbiamo essere molto responsabili, soprattutto noi della generazione dei nativi informatici, che avremo un futuro sempre più tecnologico. Anche in merito a ciò ho delle idee. Certo, il computer diventerà sempre più indispensabile alla vita di tutti i giorni, ma non dovrà diventare l’unica fonte di vita e non dovrà sostituire il resto: con la scusa dei negozi online, non deve scomparire per esempio il posto concreto in cui andiamo e compriamo ciò che ci serve. Salvo che tutti i negozianti non facessero il proprio sito, i disoccupati diventerebbero tantissimi. Internet deve rimanere un mezzo, non il mezzo di vita. Non dobbiamo lasciare che il mondo diventi come nel film della Disney Wall-E, nel quale gli uomini sono unicamente serviti da macchine. Spero però che il progresso tecnologico faccia passi avanti. Insomma, il mio ideale di futuro digitale è quello in cui la tecnologia e Internet aiutano l’uomo nella vita quotidiana, ma che non si sostituiscano alla vera essenza della comunità.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account