Ho sentito molto parlare di alcune aziende che, prima di assumere un nuovo dipendente, cercano di informarsi il più possibile sul suo conto,per essere certi che sia uno che sappia fare il suo lavoro e che non crei problemi, andando a ricavare informazioni ovunque sia possibile, persino attraverso internet e i social network.
Io, ad essere sincero, non sono del tutto d’accordo su questo modo di assumere le nuove persone, semplicemente perché se qualcuno ha postato qualcosa sulla rete, come, per esempio, una foto particolarmente importante, nel senso che fa pensare qualcosa che non sei nella vita di tutti i giorni e che risale addirittura a molti anni prima, potrebbe esageratamente farti rischiare di non trovare un lavoro “dignitoso”.
E nel corso degli anni, dal giorno che è stata scattata la foto ad’oggi, la persona potrebbe essere anche cambiata e non spetta ad un datore di lavoro a giudicare la situazione, perché realmente non potrà sapere mai la verità.
Certo, in alcuni casi è giusto allontanare persone che potrebbero essere pericolose, ma mi sembra una cosa esagerata svolgere una ricerca così approfondita, dentro la vita privata e guardando cose anche di poco conto senza nemmeno sapere il contesto in cui si sono svolte alcune situazioni.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account