Qualche giorno fa, a Palermo, una bambina di 10 anni si è tolta la vita per una sfida estrema di soffocamento vista su Tik Tok. Questo terribile avvenimento ha portato il garante della privacy a disporre il blocco del social network e a sollevare la questione dell’età minima per potervi accedere. Per la piattaforma è molto difficile verificare la reale età di ciascun utente, ma avrebbe tuttavia la possibilità di sorvegliare sui contenuti che circolano sul social, eliminando tutti i contenuti che possono portare a conseguenze negative, come quello della morte della bimba. Prima di quella del social, però, servirebbe la tutela dei genitori, che, essendo a conoscenza della potenza di questo strumento, dovrebbero limitarne l’uso ai più piccoli, inconsapevoli di quello che esso, in alcuni casi, può portare a fare. I bambini, inoltre, non hanno la maturità emotiva e la forza per affrontare i commenti negativi, gli insulti e le provocazioni che i cosiddetti “leoni da tastiera” potrebbero lasciare sotto le foto pubblicate dagli utenti, non preoccupandosi delle conseguenze.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account