L’agenzia di comunicazione Americana Qmee ha calcolato che vengono caricati su Facebook 41 000 post al secondo, su Twitter vengono postati più di 278 000 tweets al minuto e su instagram vengono caricate più di 3600 foto al secondo.                                                                                                                 Di fronte a una tale mole di attività svolta sui social media viene da chiedersi se e come queste piattaforme possano controllare i contenuti che vengono caricati al suo interno.                                                                                          Possono essere responsabili di questo ?                                                              Possono essere accusati per i fatti illeciti che gli utenti compiono ?              I social media sono nati con il principio di neutralità, non prendono posizione sui contenuti che viaggiano nella loro piattaforma, ma sono così tanto usati che sono diventati luoghi nei quali avvengo molteplici fatti illeciti, possono essere luogo di incontro virtuale tra organizzazioni criminali, possono esserci truffe o possono accadere fatti brutali di suicidio come nel caso di una bambina di 10 anni di Palermo che ha perso la vita probabilmente a causa di una scommessa, di un gioco virtuale che gli è costato la vita.                            I social media non si considerano responsabili di ciò, perchè se così fosse dovrebbero controllare e decidere quali post pubblicare o meno.                        Così sarebbero costretti a occuparsi dei contenuti, cosa che va contro uno dei loro principi fondamentali.                                                                                  Ci si deve chiedere se i social media sono responsabili dei loro contenuti o se dovrebbero avere il potere di censurare quello che circola liberamente al suo interno.                                                                                                                  Il fatto è che se li censurassero potrebbero interferire con la libertà di espressione degli individui e potrebbero alterare anche la vita democratica di uno stato diventando uno strumento di assoluta influenza sulla popolazione mondiale.                                                                                                              In questo modo ci sarebbe visibile solamente una parte del mondo, saremmo più vicini agli ideali di uno stato autoritario che rende note solamente le informazioni che gli fanno più comodo.                                                              Nel caso della ragazza di Palermo la responsabilità dovrebbe essere nelle mani dei genitori che avrebbero dovuto sorvegliare la propria figlia, perchè un telefono è uno strumento utilissimo, ma nelle mani di un’inconsapevole bambina di 10 anni è diverso.                                                                              A questa età tipicamente sei più ingenuo ed è più facile inciampare in una delle tante trappole del web.                                                                            Un ragazzo quando prende in mano un telefono deve essere stato educato all’uso di questo strumento, deve capire che come nella vita reale anche su internet una azione corrisponde a una conseguenza.                                            Tuttavia ancora oggi vediamo genitori che non conoscono pienamente questo nuovo mondo della tecnologia e come i loro figli anche loro sono ingenui.        I fatti drammatici che si susseguono ci dicono che probabilmente siamo in una fase di transizione, in cui i social media stanno diventando produttori di contenuti anzichè solo una piattaforma su cui essi transitano, e questo porrà nuove sfide per la vita democratica dei prossimi anni.

 
0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account