Nella società moderna, i social stanno diventando uno dei mezzi più usati per diffondere messaggi di qualunque tipo. Più importanza acquisiscono, meglio è, se i messaggi che vi circolano vengono controllati, non solo tramite algoritmi, ma anche per mano umana. Infatti, come in una normale conversazione, è indispensabile limitare, se non escludere del tutto, argomenti che possano risultare offensivi e questa azione spetta a coloro che danno accesso ai social stessi. Ad alcune persone tuttavia questo appare come una sorta di limitazione alla propria libertà di parola, se non addirittura di pensiero. Ma, proprio perché viviamo in un mondo in cui le informazioni e i messaggi viaggiano molto velocemente e in maniera ininterrotta, è necessario evitare la diffusione di messaggi d’odio o di informazioni errate. Senza vietare alle persone di esprimersi, i responsabili dei social devono però impedire che vengano espressi concetti di odio o discriminazione che possono avere conseguenze pericolose nel mondo reale. 

 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account