Nel 2018, lo statunitense Bill Gates, conosciuto per aver fondato la Microsoft, aveva previsto che nell’anno appena concluso, il 2020, ci sarebbe stata una pandemia globale. 

Ma come ha fatto? Gates non è sicuramente un veggente, ma essendo da vari anni impegnato nel campo della ricerca e della prevenzione, per lui è stato abbastanza facile ipotizzare tutto ciò che è accaduto.

Alcuni studiosi ritengono infatti che essendoci sempre state pandemie nel passato, un evento del genere sarebbe stato intuibile. 

Mentre secondo altri, statisticamente sia stata un evento raro, improbabile, che però si è manifestato. 

Quelli che però hanno sbagliato totalmente le previsioni sono gli oroscopi, che funzionano grazie alla posizione degli astri, ma che sono dei veri e propri inganni.

Le stelle ovviamente non sono in grado di prevedere il futuro, per il fatto che nel nostro pianeta sono presenti milioni di persone molto differenti fra loro. E’  inimmaginabile che tali previsioni siano adattabili a tutti. 

Possiamo constatare facilmente la falsità di queste ipotesi osservando anche le continue contraddizioni; le previsioni, poi, sono  talmente superficiali che andrebbero bene a tutti, e proprio per questo si pensa che vengano generate, da un computer. 

Ma perchè le persone manifestano così tanto interesse pur sapendo che tali previsioni sono prive di fondamento? La soluzione potrebbe essere nel bisogno di circoscrivere la nostra personalità e quella degli altri, dando forma su di essa parte delle nostre aspettative.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account