In mezzo alle centinaia di chiacchere, più o meno da bar, che sono sorte, prevedibilmente, vista la grandezza del fenomeno, riguardo il covid e tutto ciò che esso ha causato c’è, in particolare, un discorso che varrebbe la pena venisse preso in considerazione, ovvero la prevedibilità o meno di un evento del genere. Per quanto ragionare su ciò è, ai fini dell’attualità, del tutto inutile, dato che sarebbe come piangere sul latte versato, non vale assolutamente altrettanto per il futuro, dove sarà senza dubbio di grande importanza ricordare e non ripetere gli errori commessi, cercando anzi di fare sempre meglio. Dunque, era davvero prevedibile che ciò che è accaduto nel 2020 si verificasse? Considerando come avvenimenti del genere siano sempre accaduti, a partire dalla Peste nera fino alla Spagnola, verrebbe da rispondere che, assolutamente sì, non solo sarebbe stato ragionevole ipotizzare l’arrivo di una nuova pandemia, come del resto Bill Gates enigmaticamente aveva fatto, ma anche che il modo in cui non solo l’Italia, ma il mondo intero, erano attrezzati ad una simile evenienza si è rivelato essere assolutamente fallimentare, a dimostrazione che, a distanza di anni, riguardo determinati ambiti non siamo poi progrediti così tanto. Nonostante qualcuno sostenga che il vero problema sia stata la non applicazione di esso, è fuori di dubbio che un piano pandemico nazionale necessiti maggiori attenzioni, piuttosto che una modifica in diciotto anni ed il fatto che i medici, prima dello scorso marzo, non fossero minimamente a conoscenza di questo piano non ha fatto altro che peggiorare le cose. Affermare che la situazione di crisi che stiamo vivendo ora sia solo frutto di un avvenimento sfortunato è una scusa irresponsabile, clamorosamente immatura e, per giunta, profondamente egoista. La speranza è che, invece di pensare a far crollare governi per ottenere qualche poltrona in Senato, la classe politica italiana si impegni davvero a fare il proprio compito, senza sperare che ciò che stiamo vivendo accada a qualcun altro.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account