Nel 2018 Bill Gates profetizzò che in futuro si sarebbe verificata una pandemia mondiale, previsione che oggi è sin troppo vera, anche se la pandemia da lui descritta avrebbe dovuto uccidere 30 milioni di persone in 6 mesi, fatto che fortunatamente non ha avuto luogo. In questi giorni ha affermato che tutto si risolverà nel 2022, ed è possibile che anche questo risulti parzialmente veritiero, sebbene ci si auspichi che i contagi si azzereranno prima. Alcuni vedono in questo catastrofico avvenimento un “cigno nero”, ovvero un avvenimento particolarmente raro e speciale, mentre altri lo considerano un “rinoceronte grigio”, ossia un fatto non comune ma nemmeno unico, che ogni volta in cui si verifica semina caos e confusione. Appare più corretto il secondo paragone poiché, nonostante una pandemia si verifichi sporadicamente nel corso della storia, tuttavia è innegabile che possa avvenire, così come è avvenuta più volte in passato e si manifesterà in futuro. A ogni modo, che la pandemia sia un cigno o un rinoceronte, è necessario stare in guardia e combatterla, ma soprattutto premunirsi contro di essa nel caso dovesse rimanifestarsi, cosa molto probabile, in futuro.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account