Internet è il mio punto di riferimento per qualsiasi cosa: ricerche per la scuola, indicazioni stradali, consigli per regali, tutorial di cucina… Non so come potrei vivere senza Google, senza Amazon o senza YouTube. Ciò di cui non mi rendo conto e di cui mi sto iniziando ad accorgere solo ora è quanto questo sistema tanto efficiente, tanto comodo e completamente gratuito, mi conosca meglio di chiunque altro. Per esempio l’altro giorno ho aperto YouTube per cercare una canzone di cui mi aveva parlato una mia amica e il primo video consigliato era proprio della canzone che volevo ascoltare. Questo perché Internet si è evoluto in maniera incredibile e imprevedibile dagli anni ’90 ed è diventato lo strumento mediatico più potente mai inventato dall’uomo, tanto che non siamo noi a controllarlo, ma è lui a controllare noi. Finché Google propone alle nonne nuove ricette da provare per in nuovi nipotini, tutto va bene; ma quando grazie a Facebook o a Instagram qualcuno riuscirà a manipolare il nostro pensiero, per esempio spingendoci all’estremismo politico o di altro genere, allora forse qualcosa sarà andato storto.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account