In quest’epoca digitale siamo, in un modo o nell’altro, costantemente monitorati, e i nostri dati anche strettamente personali sono raccolti, riuniti e, in alcuni casi, venduti al miglior offerente. Purtroppo, anche volendolo, non potremmo mai impedire questo fenomeno poiché sin dalla nascita vengono prelevate informazioni su di noi che non è possibile trattenere, e anche in ambiente scolastico il registro elettronico conosce tutti i nostri voti, le nostre assenze, il nostro comportamento. Tuttavia, è possibile prendere alcuni accorgimenti al fine di evitare che troppi dati ci vengano sottratti e che cadano in mani sbagliate. Io cerco di prestare sempre attenzione alla qualità dei siti internet che visito, e anche alle proposte e alle pubblicità che mi vengono rivolte online. Inoltre, sul mio dispositivo non ho scaricato alcun tipo di piattaforma social; infatti queste piattaforme, che sono gratuite, analizzano le nostre preferenze e le forniscono alle varie aziende, che in tale modo potranno proporre pubblicità mirate. Questi sono gli accorgimenti principali per difendere la nostra privacy e proteggerci dai “cacciatori di dati”.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account