La cultura ha sempre determinato distinzioni sociali tra coloro che la coltivavano, la arricchivano con apporti diversi, la facevano progredire, e coloro che se ne disinteressavano, la disprezzavano o la ignoravano, o se ne sentivano esclusi per ragioni economiche e sociali.

In tutte le epoche storiche, compresa la nostra, la società è sempre stata formata da persone colte e incolte, e, tra i due estremi, da persone più o meno colte o più o meno incolte, e questa gerarchia risultava sufficientemente chiara per il mondo intero, poiché per tutti vigeva lo stesso sistema di valori, criteri culturali e modi di pensare, giudicare e comportarsi.

La cultura deve essere un denominatore comune, qualcosa che mantiene viva la comunicazione tra persone molto diverse, costrette a specializzarsi dal progredire della conoscenza e di conseguenza ad allontanarsi e a isolarsi le une dalle altre.

Allo stesso tempo risulta una guida che permette agli esseri umani di orientarsi nello spesso groviglio della conoscenza senza perdere la strada e mantenendo ben chiare, nel loro interminabile percorso, le priorità, ovvero la capacità di distinguere le cose importanti da quelle meno importanti, di individuare la strada maestra e di evitare le inutili deviazioni.

La conservazione e la distribuzione del patrimonio culturale, che appartiene in egual modo a tutti i cittadini, consente lo sviluppo economico e sociale del Paese, che sarebbe impossibile senza la cultura, che d’altra parte ci è resa possibile e accessibile solo dal grande patrimonio che abbiamo sulle spalle.

La cultura non deve essere solo materia passiva di conoscenza, è veramente importante quando si trasforma in azione, quando ha la capacità di intervenire sulla realtà, magari provando a cambiarla, migliorandola.

Ciascuno di noi deve quindi avere la possibilità di potersi esprimere al massimo e, soprattutto in questi periodi, di usufruire anche dispositivi tecnologici per far sì che non si arresti il percorso formativo mirato a una consapevolezza ed una libertà personale.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account