La grave crisi generata dal corona virus, sta naturalmente cambiando le nostre attività su molti fronti, uno dei settori che sta soffrendo è quello della cultura in tutte le sue forme. La fruizione di tali attività si sta sempre più digitalizzando e probabilmente soprattutto in questa e fase e quella immediatamente successiva ci vedrà interagire con smartphone e tablet, non solo per vedere un film o ascoltare musica, ma anche per vedere un concerto o entrare virtualmente in un museo. Sicuramente queste evoluzioni si stavano già sviluppando ma la speranza è che si possa tornare alla normalità di riempire stadi per un concerto e per avere quell’atmosfera che non potrà mai essere sostituita da un anonimo schermo.                      Inoltre siamo sempre negativi su quanto riguarda la tecnologia ma in questo momento è l’unica cosa che ci sta aiutando perché tramite le videochiamate possiamo sentire amici e parenti che ovviamente non possiamo vedere dal vivo, oltretutto la maggior parte delle compagnie telefoniche in questo periodo ci stanno offrendo sconti oppure aggiunta di minuti e giga.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account