Il Coronavirus in poco tempo è diventata protagonista indiscusso delle nostre giornate; telegiornale ,emittenti televisivi ,giornali radio e notiziari  di qualsiasi tipo parlano solo di lui. Possiamo quasi considerare il Coronavirus la “ super star “ di questa prima parte del 2020 e sicuramente se ne parlerà per molti anni . Ormai è inutile sottolineare come il virus abbia colpito non solo il sistema sanitario ma anche quello economico, fiscale , culturale e sociale .Nonostante questo però, la cultura non si ferma e la storia ci insegna che questa ci permette di imparare dai nostri errori . Uno degli scenari più drammatici che potevamo  immaginare poteva essere uno stop della cultura e dell’istruzione ma grazie alle nuove tecnologie questo non è accaduto . Nonostante la lontananza fisica ,la scuola continua a funzionare e a formare  i cittadini del domani; questo ha un valore incredibilmente importante in quanto permette soprattutto a noi ragazzi di mantenere anche se un minimo ,le nostre abitudini comuni . Il ruolo della scuola in questo momento è soprattutto quello di farci vivere questo momento nella maniera meno drammatica possibile e continuare a fornirci nozioni come se ci trovassimo tra i banchi di scuola.

Soprattutto per i ragazzi che quest’anno concluderanno il secondo ciclo di studi,è fondamentale lasciare la scuola con un buon livello di conoscenze in quanto in un futuro prossimo non sarà il Coronavirus a giustificare la nostra ignoranza. La scuola ai tempi del Coronavirus ci permette di voltare lo sguardo al futuro e alle nuove modalità di apprendimento anche se la lezione frontale rimarrà per sempre il miglior metodo di apprendimento .

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account