Il 31 Gennaio 2020 in Italia c’è stato il primo caso di coronavirus. In poco tempo il virus ha iniziato ad espandersi nelle regioni settentrionali per poi espandersi in tutta Italia in poco tempo. Il 4 marzo 2020 il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per fare in modo che i contagi venissero limitati ha emanato un decreto per la chiusura di tutte le attività o industrie che non prevedevano la vendita o produzione di beni estremante necessari e dal quel momento tutta la popolazione italiana è stata costretta a rimanere chiusa nelle proprie abitazioni potendo uscire soltanto in caso di necessità personali o di primaria importanza. A causa della quarantena, le attività quotidiane che noi tutti svolgevamo, ora vengono compiute da casa grazie alla tecnologia. Alcuni esempi sono la didattica a distanza e lo smart working che consiste nel lavorare da casa collegandosi con il computer. La noia in questo periodo è sicuramente molta ma i cantanti e le associazioni culturali hanno deciso di aiutare a far passare il tempo in casa tramite concerti pubblicati in rete e visite guidate online in molti musei. Molte persone stanno cercando di dare il proprio contributo pubblicando anch’esse dei video, per esempio registrando il proprio allenamento in modo che tutti possano vedere e capire come mantenersi in forma anche da casa, oppure ci sono dei professori che aiutano i ragazzi con più difficoltà a recuperare tramite video-lezioni o possiamo ancora trovare dei video di cucina in cui le persone spiegano come cucinare un determinato piatto ed insieme a questi, ci sono moltissimi altri video con altrettanti contenuti. Il coronavirus ci ha portato via molto, partendo dalla libertà di uscire fino agli affetti familiari pensando soprattutto ai molti nonni che a causa della loro salute cagionevole sono stati privati di vedere i loro nipoti. Quest’emergenza sanitaria ci ha fatto riscoprire molti aspetti della nostra vita che spesso davamo per scontati ma che ora abbiamo imparato ad apprezzare. Soprattutto questo virus ci ha dimostrato quanto l’Italia in realtà sia unita da Nord a Sud e quanto sia importante anche un singolo abbraccio dato alla persona a cui vogliamo bene. Se continueremo a rispettare le regole che ci vengono imposte dal governo sicuramente riusciremo a sconfiggere questo virus molto prima di quanto possiamo immaginare. Solo insieme ce la faremo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account