Le fake news o bufale sono sempre esistite attraverso il passaparola ma con l’avvento dei social network si sono propagate in maniera esponenziale, visto l’uso sempre maggiore delle tecnologie digitali del mondo moderno. In un momento storico come questo, alle prese con un pandemia naturalmente qualsiasi notizia può portare la popolazione al panico, sul perché nascono queste notizie false ci sarebbe molto da discutere ma fra tutte probabilmente servono solo per motivi commerciali e pubblicitari. Fra le tante fake news circolate in questo periodo quella che sicuramente ha avuto più impatto mediatico è la famosa immagine delle bare di Bergamo, che nella realtà altro non era che una vecchia immagine sul tragico naufragio di migranti a Lampedusa. Altra fake che ha avuto un triste seguito è stata quella che riguardava la trasmissione del corona virus da parte degli animali domestici e purtroppo non pochi sono stati gli abbandoni di questi poveri animali. Difendersi da queste notizie non è poi così difficile, basterebbe una breve ricerca per capire se le fonti sono attendibili, e in ogni caso anche il governo ha istituito una task force per poterle bloccare senza che abbiano tanta diffusione.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account