Da sempre i giornali sono strumento per poter comunicare in modo diretto con la gente, per trasmettere notizie, informazioni. I fatti di cronaca arrivano sotto gli occhi di chiunque, dalla persona più giovane a quella più anziana, dalla persona più colta a quella più ignorante e così via. Proprio per questo si dovrebbe prestare molta attenzione al modo in cui certi temi vengono affrontati. Nel periodo attuale, il tema principale, protagonista di ogni tipo di fonte di informazione è il COVID-19. Trattare un argomento così delicato come un’epidemia deve essere fatto nel modo più oggettivo possibile, altrimenti si rischia di sfociare nella sfera del personale, del soggettivismo e dell’ “acchiappa views” che apre porte al caos e alla diffusione di assurdità e menzogne. Il problema principale di scrivere qualcosa di “accattivante” sta nel fatto che vengono applicati filtri ad una realtà oggettiva, di base, comune per tutti, a cui verranno applicati, in un secondo momento, ulteriori filtri da parte delle stesse persone che ricevono questo genere di informazioni “sbagliate”. In questa maniera quella che si crea è una catena costituita da elementi di volta in volta diversi, elementi che vanno ad intensificarsi e deformarsi sempre più fino a raggiungere picchi inimmaginabili. Nel contesto del Coronavirus numerose sono stati i messaggi intensificati nel modo più assurdo che hanno condotto le persone a degenerare in certi comportamenti e sentimenti. A causa di falsi allarmismi, panico e preoccupazione sono stati in primo piano e continuano ad esserlo. Non sempre bisogna essere increduli difronte ad ogni tipo di notizia, perché queste possono anche assumere un valore fondamentale nella comprensione, in questo caso, delle precauzioni più opportune da adottare. Cercare di selezionare razionalmente, e dunque in un certo senso “analizzare”, le notizie è essenziale. A proposito di quest’ultimo pensiero preso in considerazione, non tutti siamo in grado di riconoscere, di distinguere una “fake new” da un qualcosa di veritiero. Essere in grado di considerare le notizie importanti permette, in questa situazione, di comprendere la necessità di rimanere chiusi in casa se non per ovvie necessità o venire a conoscenza deli migliori accorgimenti per evitare di contrarre il virus ( qualcosa di basilare al fine di contenere il contagio).Concludendo, possiamo affermare che è necessario accertarsi su fonti da cui provengono le informazioni e sulla loro attendibilità poiché alcune volte non si ha la minima idea di dove certe “favole” vadano a sfociare.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account