Il fenomeno del coronavirus è nato fra il 20 e il 25 novembre, non si sa ancora con certezza se è stato “trasmesso da un serpente” o “
creato in laboratorio”. L’ipotesi del serpente è stata diffusa dai ricercatori dell’università di Pechino. Si ipotizza che il nuovo coronavirus sarebbe sfuggito dal controllo degli scienziati, infettando uno di loro per poi propagarsi nella città di Wahan, considerata il primo focolare del virus.
L’Italia è stato il paese per numero di contatti, dopo la Cina. Si sono subito manifestati i primi morti, con età avanzata. A diffondersi più velocemente del virus, è la paura: a Milano i mezzi pubblici si svuotano e molti hanno fatto una raccolta di cibo. Attualmente tutta l’Italia è in zona Rossa, se prima solo una parte era infettata ora è tutta l’Italia. Un dubbio molto presente è che i pazienti asintomatici sono in grado di trasmettere virus ai loro più vicini contatti. Comporta sintomi seri che richiedono la somministrazione di ossigeno e ventilazione polmonare. I sintomi si manifestano entro un giorno o due. Un problema più grave è la mancanza di posti delle delle terapie intensive, siccome mancano posti e molti ne necessitano perché hanno insufficienze respiratorie, tutta l’Italia è stata messa in Quarantena per non far diffondere il virus.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account