Il fenomeno che sta caratterizzando i giorni seguenti è senza ombra di dubbio il contagio da Coronavirus. Dall’epicentro iniziale di Wuhan, il virus si è presto allargato in tutto il mondo, raggiungendo un numero di contagi esorbitante. Ovviamente, data la facilità di poter contrarlo, il covid-19 ha raggiunto anche le sponde italiche.

Dai primi focolai delle città nordiche si è diffuso a macchia d’olio in tutto lo stivale, arrivando a circa 10.000 contagiati. Le misure prese dal governo per cercare di arginare il virus sono enunciati nei decreti di emergenza. Infatti, le misure iniziali per contrastare il contagio erano il semplice isolamento delle zone cosiddette “rosse” ovvero i focolai da cui è partito il contagio nella penisola. Successivamente, non avendo avuto risultati positivi, anzi una propagazione sempre più veloce, si è deciso di isolare tutta l’Italia.

 sorvolando le misure di carattere territoriale, in ambito lavorativo e studentesco si è deciso di chiudere in primis atenei e scuole di ogni ordine e grado. In seguito si è ordinato la chiusura dei luoghi di ampio affollamento come palestre e attività sportive. Altrettanto chiuse sono le attività per la bellezza fisica, estetisti o parrucchieri. Rimangono in funzione farmacie e supermercati, seppur con una certa limitazione. Dipendenti pubblici o privati non sono esenti al lavorare.

Per quanto riguarda le misure di carattere economico, il governo sta pensando a fornire un ausilio concreto a tutti i lavoratori; sia coloro che hanno tasse e mutui da pagare sia a coloro che hanno bambini a casa e non sanno a cui affidarli. In relazione a queste problematiche l’esecutivo pensa di varare un decreto con sospensione temporanea dei mutui e tasse e, inoltre, congedo parentale per coloro che hanno figli sotto l’età dei 12 anni oppure un voucher per le babysitter.

In conclusione la situazione è decisamente drastica. La speranza rimane che l’Italia riuscirà ad uscire da questo terribile fenomeno.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account