Che cos’è lo streaming?

Per streaming si intende un flusso di dati audio/video trasmessi da una sorgente a una o più destinazioni in tempo reale.

I più famosi canali di streaming, ad oggi, sono: twitch, youtube e mixer. Il primo è una piattaforma di proprietà di Amazon.com lanciata il 6 giugno 2011, la seconda è una piattaforma, fondata il 14 febbraio 2005, che consente la condivisione e visualizzazione in rete di contenuti multimediali, la terza è un’altra piattaforma di streaming di videogiochi con sede a Seattle, il servizio è iniziato ufficialmente il 5 gennaio 2016.

Al di là dello schermo ad intrattenere il pubblico si trovano i creator (creatori di contenuti), i quali attraverso videogame, reazioni ai film, challenge, vlog, sketch e molto altro divertono gli spettatori, quest’ultimi possono, in tempo reale, suggerire allo streamer cosa fare tramite la chat.

Per accedere a questi servizi basta connettersi alla rete e con il motore di ricerca raggiungere il canale di streaming che più aggrada.

Quali sono le fonti di guadagno derivanti da questo lavoro?

I ricavi si determinano da diversi fattori: gli abbonamenti fatti dagli spettatori, che possono essere annuali, mensili e settimanali; le donazioni, che possono essere fatte da chiunque voglia; i placement, ovvero quando un’azienda propone a un creator di sponsorizzare un determinato prodotto in cambio di soldi, generando una pubblicità indiretta (è quel tipo di pubblicità che compare in spazi non prettamente pubblicitari, senza essere segnalata come tale). Un’ultima fonte di guadagno è il merchandising cioè quando un utente compra dei prodotti dello streamer come una maglietta, una felpa o una tazza personalizzata.

Questo è il lavoro che attualmente attira di più i giovani, ma costoro non devono pensare che l’attività sia facile e poco impegnativa perché al contrario serve una mente creativa, una buona preparazione tecnologica, abilità e molto tempo da dedicarci.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account