Entro il 2050, il 70% della popolazione mondiale vivrà in città che coprono meno del 2% della superficie terrestre. Le città non sono mai state così sfidate e la tendenza continua a crescere Ciò solleva molti problemi: Inquinamento, accesso alle infrastrutture, ingorghi stradale, mobilità, sicurezza, e la salute dei residenti sono solo alcuni esempi.

Lo sviluppo e la combinazione di nuove tecnologie come l’Internet delle cose e l’intelligenza artificiale offrire una soluzione poliedrica: la città intelligente. Le città intelligenti sono città iperconnesse, tecnologicamente attrezzato per migliorare la vita dei loro residenti.

In Messico, alcuni quartieri stanno ancora lottando per ottenere un accesso permanente all’elettricità, quindi, la città ha installato sensori analizzare l’uso dell’elettricità in vari settori in modo da ottimizzare la distribuzione di energia attraverso la rete. Di conseguenza: interruzioni di corrente meno frequenti e migliore distribuzione dell’energia. Nel Regno Unito, la città di Bristol ha creato il Data Dome, una piattaforma pubblica in cui informazioni sul traffico, qualità dell’aria, rumore, o persino il governo della città può essere condiviso. Questi dati hanno la possibilità di offrire a studenti, cittadini e imprenditori locali i mezzi per costruire una città intelligente che si adatti davvero alle loro esigenze.

Se le città del passato sono state modellate dalle persone, è probabile che le città del futuro siano modellate dalle idee e ce ne sono molte in competizione su come dovrebbe apparire uno spazio urbano così futuristico.

Alcune di questi ruotano attorno all’idea che più intelligente una città sia più verde deve essere. Gli esperti di sostenibilità prevedono città carbon-neutral, piene di veicoli elettrici e schemi di condivisione delle biciclette, con una qualità dell’aria così migliorata che gli impiegati possono effettivamente aprire le finestre per la prima volta.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account