Fra i molti fenomeni che caratterizzano l’inizio di questo 2020, il coronavirus è sicuramente quello che preoccupa maggiormente. Ma solo in pochi conoscono davvero cosa comporta, come è nato e come si trasmette.
I coronavirus sono un genere di virus a RNA. Si tratta di virus dotati di pericapside con un genoma a filamento singolo a senso positivo e con un nucleocapside di simmetria elicoidale. La dimensione genomica dei coronavirus varia da circa 26 a 32 kilobasi, la più grande per un virus a RNA. I coronavirus sono responsabili di patologie nei mammiferi e negli uccelli che comportano il verificarsi di diarrea e di malattie respiratorie. Nell’uomo, provocano infezioni respiratorie, spesso di lieve entità come il raffreddore comune, ma in rari casi potenzialmente letali come polmoniti e bronchiti. I coronavirus sono stati responsabili delle gravi epidemie di SARS del novembre 2002, di quella della MERS del 2012 e della polmonite di Wuhan del 2019-2020. A gennaio 2020, non esistono vaccini o farmaci antivirali per la prevenzione o per il trattamento considerati validi dalla comunità scientifica. Alla stessa data si conoscono sette ceppi di coronavirus in grado di infettare gli umani. Il nome “coronavirus” deriva dal termine latino “corona”, per l’aspetto caratteristico dei virioni (la forma infettiva del virus) visibile al microscopio elettronico, che creano un’immagine che ricorda una corona reale o della corona solare.
La trasmissione dei coronavirus nella popolazione umana avviene principalmente in due modi: attraverso l’inalazione delle goccioline volatili emesse dagli individui contagiati dal virus, quando parlano, starnutiscono, tossiscono o respirano; attraverso il contatto fisico con mani, superfici, cibi od oggetti contaminati.
Si cominciano ad avere i primi casi in Cina, quando un medico cinese, analizzando la diagnosi di un paziente con sintomi influenzali notò la presenza di, appunto, questo particolare virus. Fu screditato, erroneamente, dal governo cinese, per poi scoprire che aveva ragione. Questa epidemia, causa molti danni economici alla Cina, Infatti, è aumentato in modo sproporzionato il terrore di ordinare pacchi cinesi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account