https://www.bing.com/videos/search?q=infermiera+cinese+coronavirus&&view=detail&mid=1E48E261DE9124ED90A81E48E261DE9124ED90A8&&FORM=VRDGAR&ru=%2Fvideos%2Fsearch%3Fq%3Dinfermiera%2Bcinese%2Bcoronavirus%26FORM%3DHDRSC3

Il 2020 probabilmente non è iniziato nel migliore dei modi. Dopo solo tre giorni dall’inizio del nuovo decennio addirittura si parlava di terza guerra mondiale, l’Australia andava a fuoco e sempre nello stesso lasso di tempo si è propagato il cosìdetto “Virus Cinese”, chiamato più comunemente Coronavirus. In realtà il vero e proprio nome di questo virus è nCoV 2019, che sta per “ Nuovo Coronavirus 2019” poiché, da quando ha avuto inizio il nuovo millennio, si sono verificate epidemie simili aventi sempre la stessa tipologia di virus che per l’appunto prende il nome di “Coronavirus”. Le epidemie di Sars e di Mers sono quindi molto simili all’epidemia che in questo momento sta spaventando il mondo intero. I sintomi in realtà sono quelli di una normale influenza che  però, più avanti, si aggrava e può diventare una polmonite che di conseguenza porta alla morte se non la si cura trovando un rimedio efficace. Tutto è partito dal mercato di Wuhan, città della Cina, e poi si è propagato per tutta la zona di quella provincia. Inizialmente il virus riguardava solo Wuhan poi si è diffuso per tutta la Cina e ,al giorno d’oggi, con gli innumerevoli aerei che partono e con un ingente numero di persone che viaggia da uno stato all’altro, ci sono casi di infettati di Coronavirus in tutto il mondo, compresa l’Italia.

Secondo gli scienziati, sembra che il Coronavirus abbia avuto inizio dal pipistrello, animale portatore di malattie, poiché essendo l’unico mammifero volante, durante il volo consuma un enorme quantità di energia ed espelle alcuni filamenti di DNA che iniziano a vagare per il corpo. Questi ultimi non vengono neutralizzati dal sistema immunitario del pipistrello che diventa un serbatoio di virus assunti tramite gli insetti di cui si nutre. L’animale che gli scienziati pensano possa esser stato di passaggio tra il pipistrello e l’uomo è il pangolino che, mangiando un pipistrello, ha assunto il virus e ha portato a enormi modifiche che hanno reso il virus letale anche per l’essere umano.

Ora quello che ha scoperto il team di ricerca dell’Università Campus Bio-medico di Roma è che più il virus viene diffuso più ha probabilità di mutarsi: di conseguenza diventa più letale. Fortunatamente il virus non ha una mortalità molto alta eppure, anche se questo aspetto può sembrare del tutto positivo, bisogna anche tener conto del fatto che se ha una bassa mortalità allora di conseguenza più persone possono essere infettate. Ebola, ad esempio, aveva una mortalità molto alta, una cosa come il 50%, ed è ovvio che, se ogni volta che venivano  infettati degli individui essi morivano, andando avanti  non esistevano più individui dai quali si poteva prendere il virus perché erano già morti.

Purtroppo ora come ora non sappiamo con certezza quanti possano essere i contagiati, dal momento che  ci sono  diverse opinioni e una fonte certa in questo momento non esiste poiché il governo Cinese probabilmente non vuole che si sappia il vero numero di persone che stanno rischiando di perdere la vita. Ultimamente infatti il governo cinese ha deciso che chiunque diffonda le cosìdette “fake news” venga arrestato e sembra che sia un modo per evitare che si sparga la verità. La Cina vuole che questo virus non sia preso troppo sul serio così da non allarmare eccessivamente le altre nazioni. Se si tiene conto del fatto che il virus può sopravvivere sulle superfici anche per diversi giorni e che ogni persona incontra un’ innumerevole quantità di persone sembrano comunque pochi i 44000 infettati solo in Cina.

Giorni fa è stata arrestata una ragazza, infermiera cinese, che ha pubblicato su youtube un video nel quale confessava che in Cina le persone contagiate erano ben 90000, un numero molto più alto rispetto alle 11000 che affermava il governo cinese. È una bufala o il governo Cinese l’ha arrestata per paura che la notizia si diffondesse come vera?

Federico Lioniello

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account