La psicosi del “coronavirus” ha scatenato un’altra forma di razzismo che chiude le frontiere e discrimina il popolo cinese considerandoli untori 
e coinvolge, come in ogni discriminazione sociale, anche chi da tanti anni è in Italia ed è perfettamente integrato e che magari in questo periodo non è neanche rientrato in Cina.
Basta avere pelle scura oppure occhi a mandorla per essere discriminati sia come immigrati nulla facenti e pericolosi, sia come diffusori di malattie contagiose.

Marta Messina                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account