Onestamente era un po’ nell’aria;“Cosa aspettarsi da un’attrice?” Dicevano in molti.

Viviamo in un mondo dove le persone sono sempre pronte a giudicare, a dire la propria e a sputare sentenze senza sapere niente. Questa è una cosa sbagliatissima, ma che ormai è parte del nostro modo di pensare; la gente si ferma all’apparenza. Dopo aver fatto questa premessa credo sia importante, inoltre, ricordare a tutti che la vita è una cosa privata anche per chi nasce sotto i riflettori.  Le storie che conosciamo sono le storie che quelle persone, consideriamole vip, hanno voluto raccontarci e di cui non sapremo mai se siano davvero la verità.

Quando Harry e Meghan hanno deciso di rinunciare ai benefici di “senior royal“, il Regno Unito ma anche il resto del Mondo sono rimasti con il fiato sospeso. Cosa è accaduto tra loro e tra loro e la casa Reale? Cosa spinge Harry e Meghan a rinunciare a tutto?, ci siamo chiesti. Provando a dare risposte: probabilmente stanchi di avere tutta questa pressione, e di vivere in un luogo dove tutto quello che fai potrebbe causare problemi anche alla storia di una nazione, hanno deciso che quella vita non faceva per loro. A mio avviso però qualunque sia la loro motivazione nessuno deve permettersi di provare a dire qualcosa.

Penso sia sciocco anche solo parlarne: non sappiamo a quello che si prova ad avere tutta questa responsabilità, possiamo solo immaginarlo.  Al loro posto, o meglio al posto di Meghan visto che non ci è nata, non so se avrei amato la vita da reale, fatta da molti privilegi ma sicuramente anche di molti obblighi, o se avrei voluto andarmene il prima possibile. Non mi sento di dire qualcosa al riguardo visto che non saprei come comportarmi io in prima persona nei loro panni ma credo quella sia una decisione difficile da prendere e che richiede concentrazione e tempo. Purtroppo però non si parla d’altro. Probabilmente loro saranno abituati a parlare con la stampa; a parlare col pubblico e a giustificare le proprie decisioni ma la “normalità” che sognano non è questa evidentemente. È come se non volessero più essere la centro del mondo e io non posso che tifare per loro; perché abbiamo la propria felicità.

A comunicare la decisione è stato proprio lui, Hazza, che dice di non avere avuto altra scelta. Harry con le sue parole è arrivato dritto al cuore del popolo che lo ha sempre amato. E proprio per questo è stato lui a voler dire la verità: la sua casa, la sua Inghilterra avrebbe capito. L’Inghilterra dopo la confessione in lacrime del loro beniamino non si sentirà abbandonata; sa che il loro “bambino” lo ha fatto non per abbandonare una parte di se ma per conciliare meglio quella parte con la sua nuova vita. Il popolo aiutandolo gli farà il favore più grande perché a rendere felici non è l’amare, ma l’essere amati

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account