Ormai è appurato, i fantastici paesaggi, le bellissime città e ci cieli blu si stanno facendo sostituire da paesaggi e città cupe e cieli grigi come la cenere. In città come Milano, Roma, Torino e Venezia, sta avvenendo tutto ciò per le varie fonti d’inquinamento quali: auto, caldaie ed emissioni di nubi tossiche dalle fabbriche. Questo si sta riversando su di noi, infatti cresce sempre di più il numero delle persone affette da tumori e malattie gravi che nascono dall’ecosistema poco sano, in particolare in Italia che, secondo una classifica, in Europa è la prima ad avere questo aumento. Alcuni sindaci, dopo aver notato che le polveri sottili avevano superato la soglia del limite, hanno ben deciso di vietare l’uso dei veicoli che producevano tale problema. Però secondo alcuni studi, la maggior parte di queste polveri, proviene dai vari riscaldamenti. Al posto delle solite caldaie ci sono quelle a biomassa che funzionano allo stesso modo ma sono alimentati dagli scarti agricoli, quindi una trovata ecologica e sicura. Dobbiamo senza dubbio cercare di ridurre al minimo queste polveri che si espandono nell’aria circostante per evitare di distruggere ancora di più il pianeta che ci ospita.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account