Il 2019 è stato caratterizzato da una serie di eventi principali.

In Italia, il 2019, si apre con il processo a Salvini, con l’accusa di sequestro di persona e abuso di potere, per aver bloccato in mare 174 persone, a bordo della nave Diciotti, il precedente agosto.

Caso che, nonostante il metodo con cui è stato affrontato fosse molto discutibile, ha contribuito a rafforzare la politica molto severa del vice-premier riguardo la chiusura dei porti. A parte questo evento controverso, la prima metà del 2019 per la Lega è stata molto proficua, infatti il seguente partito ha superato il 30% alle elezioni europee, diventando il primo in Italia, superando il suo alleato al governo. A seguito del grande consenso ottenuto con le elezioni, la Lega ha deciso, tra la fine d’agosto e l’inizio di settembre, di far cadere il governo con i 5 Stelle, sperando, con future elezioni, di poter formare un governo guidato esclusivamente dal Carroccio. Speranza che però, almeno per il 2019, non si è conseguita: dopo la caduta del governo Conte I infatti, se ne è formato un altro, stavolta tecnico, e quindi non voluto direttamente dal popolo, tra il PD e i 5 Stelle, con a capo sempre il Premier Conte.

Infine, un altro evento molto importante avvenuto in quest’anno, che si ricollega a quello precedente, è stata la formazione di un fenomeno popolare: quello delle Sardine.

Fenomeno che, nato appunto come movimento anti-leghista a Bologna, ha segnato la fine di quest’anno e che si è diffuso in tutta Italia, riunendo centinaia di migliaia di persone sotto i valori di inclusione e democrazia, lottando contro il populismo e le false propagande dei politici.

Nel mondo, più generalmente, il 2019 si è concentrato sulla lotta contro l’inquinamento, che, dopo il grande scalpore creatosi a causa dei grandi incendi in Amazzonia e la grande popolarità formatasi attorno a Greta Thunberg, una giovane ragazza svedese diventata il simbolo di questa battaglia, ha raggiunto il punto più alto della storia.

In molte nazioni, migliaia di adulti e giovani sono scesi in strada per manifestare contro il problema dell’inquinamento, ma le risposte dei governi non sono state, per adesso, sufficienti.

Oltre a questo, quest’ultimo anno ha avuto a che fare con molti fatti spiacevoli, come l’incendio, del 15 aprile scorso, della cattedrale gotica di Notre Dame o i vari casi di attentati di terrorismo, come quello in Australia, dove sono morte 51 persone di fede musulmana.

Molto importanti, in conclusione, sono state le proteste a Hong Kong, contro l’ammissione della città alla Cina, represse in modo molto violento, che hanno creato e stanno creando grandi tensioni anche in occidente.

Se questo è quello che è successo nello scorso anno, sembra impossibile prevedere quello che succederà in questo, anche se, ci si potrebbero aspettare diverse cose.

Ad esempio, guardando i settori dove la maggior parte delle aziende investe, si potrebbe prevedere su cosa ci sarà uno sviluppo maggiore. Infatti l’avvento delle nuove tecnologie, guida l’innovazione per il 92% delle aziende ed è molto probabile che in questo anno ci sarà un grande progresso nel settore dell’intelligenza artificiale e della robotica.

In Europa, in particolare, a seguito del conflitto che sta avvenendo tra gli Stati Uniti e l’Iran, credo che, se non in questo anno, in quelli successivi, si formerà un esercito europeo dello stesso stampo di quello della NATO, così da far fronte a questo tipo di conflitti.

Queste solo sono un paio di supposizioni, che non possono tener conto dell’infinità di avvenimenti che potrebbero accadere nel 2020.

 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account