Oggi non ci sono amministrazioni, enti pubblici e associazioni private che non si occupino, non necessariamente in maniera diretta, di migliorare la qualità di vita dei cittadini del proprio Stato. Questo termine, molto ampio e pertanto molto dibattuto, porta nella sua ricchezza di sfumature la volontà di un approccio il più possibile completo al fine di analizzare i fattori materiali e immateriali che sono alle fondamenta della realizzazione personale. Si può dunque parlare di un concetto multidimensionale che punta sia ad appagare necessità primarie, ma soprattutto tende a soddisfare bisogni e obiettivi complessi come la realizzazione sociale e lavorativa, ma anche la ricerca della felicità attraverso la cura delle relazioni personali e l’impiego del proprio tempo libero. Questa indagine sulla vita è stata svolta per il trentesimo anno dal quotidiano Il Sole 24 ore, che ha rilevato che lo standard di vita nella città di Milano sia il più alto d’Italia anche nel 2019, dopo esserlo stato anche l’anno precedente. A definirlo sono stati dei criteri che, a mio modo di vedere, riescono a coprire a pieno le esigenze della popolazione. I più interessanti sono “l’ambiente e servizi” che, dividendosi a sua volta in quindici sotto-indicatori, analizzano bisogni come l’offerta dei trasporti pubblici o in ambito ambientale la raccolta differenziata. Un’altra sezione degna di grande importanza è senza dubbio la giustizia e la sicurezza che una città riesce ad offrire contro rapine, truffe o violenze. Intrigante è inoltre la parte che analizza la cultura e il tempo libero: infatti questi indicatori possono tornare molto utili a chi ha in mente l’idea di viaggiare, poiché concede la possibilità di analizzare e capire le risorse culturali (mostre, spettacoli e concerti) che ogni città italiana offre. La qualità della vita serve, pertanto, a esplicitare la speranza e l’impegno per mantenere uno stile di vita attivo, ricco di relazioni, affetto e interessi: essa diventa cioè la cornice attraverso cui bisogna vivere il presente e il futuro.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account