Hong Kong è una regione amministrativa speciale della Cina, abitata da 7 miliardi di persone e situata sulla costa meridionale della Cina tra il delta del fiume delle Perle e il Mar Cinese Meridionale. Nel 2047 però verrà messa in discussione l’autonomia della città in quanto scadranno i permessi speciali e così la Cina potrà rimodifica il sistema economico capitalista e i diritti e le libertà dei suoi cittadini, i quali fino ad allora hanno il diritto alla libertà di parola e di manifestare. Il 9 giugno di quest’anno sono iniziate così una serie di rivolte che si protraggono sino ad oggi, il motivo dell’inizio delle rivolte fu che Pechino sembrerebbe che abbia iniziato a violare i diritti di Hong Kong già da adesso, così milioni di persone scesero in strada a seguito di una nuova legge che permette a Pechino di processare e condannare nei suoi tribunali chi ha commesso reati a Hong Kong, legge poi revocata ma questo non riuscì a placare le rivolte appena iniziate. I manifestanti chiedono: il ritiro dell’emendamento alla legge sulle estradizioni, l’istituzione di una commissione indipendente di inchiesta sulle violenze della polizia, il suffragio universale, il rilascio e l’amnistia per i manifestanti arrestati, l’eliminazione dell’appellativo di “rivoltosi”. Nonostante i manifestanti protestano in maniera piuttosto pacifica, la polizia risponde in modo violento e non sempre legale, usando anche armi da fuoco (uccidendo anche uno dei manifestanti). Dopo 5 mesi di rivolte si contanti 4500 persone arrestate, di cui la maggior parte minorenni, 2500 feriti di cui 5 gravi e due persone uccide dagli agenti di polizia. La scorsa settimana alcuni soldati cinesi sono scesi in strada per aiutare a ripulire le strade dai detriti. I manifestanti non hanno un leader e si pensa che la tattica di Xi potrebbe essere l’aggravamento dei tumulti dietro provocazione della polizia, qualche morto per strada, dimissioni della governatrice Carrie Lam e intervento della Polizia del Popolo per soffocare la rivolta.

 

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account