Quando ci iscriviamo ad un social, ci viene richiesto l’email, un numero di telefono ma anche un nickname, un soprannome. Molti usano il loro vero nome ma altri inseriscono nomi falsi o il conosciutissimo “anonimo”.

Un nome falso può portare a problemi come il cyberbullismo, la pedofilia e molti altri. Questi problemi legati al web sono sempre esistiti ma la soluzione non era ancora stata trovata fino a qualche giorno fa.

Si sta pensando, infatti, che l’accesso ad un social network sarà possibile solo attraverso l’inserimento dei propri dati personali.

Molte sono state le polemiche da parte degli utenti. Se è vero che da un lato ci sono persone con cattive intenzioni è anche vero che dall’altro ci sono persone che vogliono solo dire la loro senza essere giudicati.

A parere mio sarebbe una cosa giusta da fare per evitare che i malintenzionati riescano nel loro intento ma è anche ingiusto nei confronti di chi usa i social a scopi non offensivi ma solamente per proteggere la propria privacy.

Questa idea è dunque ancora incerta e non si sa se verrà realizzata o meno.

 

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account