Tutto ha avuto inizio nell’ottobre del 1969. Il collegamento fra i primi due computer era l’inizio di un sogno dei suoi progettisti all’Arpa, quello di una biblioteca universale consultabile da chiunque a da qualsiasi posto. Questo ha avuto  inizio durante la guerra fredda, con lo scopo di contrastare il milione di scienziati messi in campo dai sovietici, ma la sua creazione fu il risultato dello sforzo congiunto di militari, imprenditori, hacker e accademici. Così Internet non fu pensata come un’arma militare, ma come un miglioramento per la distribuzione delle risorse umane e finanziare dedicate alla ricerca scientifica.

Oggi è la più grande rete telematica mondiale. Infatti durante la giornata la maggior parte delle persone usano internet per qualsiasi cosa. Nell’era di internet, il costo per entrare a far parte delle persone di successo è accessibile, non servono più grandi ricchezze o fortune ma soprattutto intelligenza. Basta un’idea. Come diceva Einstein: “L’immaginazione è più importante della conoscenza”.  Perciò tutti si possono cimentare per portare al cambiamento e allo sviluppo, perché  la cosa che la società fa continuamente è proprio mandare avanti con le tecnologie le proprie idee. Spesso però ci vuole molto tempo prima che venga eliminata un’idea sbagliata o che soprattutto va contro i diritti umani.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account