L’Italia è uno dei paesi europei dove viene utilizzato maggiormente il denaro contante come forma di pagamento.

Secondo l’unione europea, statistiche fatte da studi di settore dimostrano come addirittura quasi l’80% delle transazioni avvengono per contanti a fronte del solo 15% che avviene attraverso l’uso di strumenti tracciabili. Le principali conseguenze di tutto ciò sono l’evasione fiscale e il lavoro nero; non essendoci tracciabilità di pagamenti si può ingannare lo stato facilmente evadendo le imposte e i contributi.  Questo tipo di atteggiamento favorisce traffici illeciti e il mal affare.

Il governo cerca soluzioni, e con l’ultimo decreto “Luglio di bilancio 2020” limiterà l’uso dei contanti fino ad un massimo di duemila euro. È giunto il momento anche per l’Italia di adeguarsi a tutti gli altri paesi dell’unione europea, dove il contante sta sparendo. Con questa legge il governo spera di contrastare al meglio tutte le forme di evasioni e di mal affare.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account