L’esempio di Greta Thunberg, una ragazzina come tante che diventa la paladina della lotta contro i cambiamenti climatici, ci dimostra che tutti possono essere determinanti anche se non rivestono cariche importanti. 

Con coraggio ha sfidato capi di Stato, esperti e scettici senza avere paura dei giudizi negativi. Ha continuato a portar avanti le sue idee ed ha coinvolto moltissimi giovani. Si può definire “voglia di rivoluzione” la sua ed è proprio questa cosa che più ci affascina di lei e del suo modo di porsi. 

 I ragazzi della mia età sono attratti dalle sfide e Greta ha trovato un modo per unirci tutti per uno scopo comune: la sopravvivenza della nostra terra. Noi siamo il futuro e credo sia essenziale alzarci in piedi e agire in prima persona per quello in cui crediamo perché tra pochi anni il mondo sarà nelle nostre mani e questa sarà una grande responsabilità. 

Molti si chiedono cosa nel nostro piccolo possiamo fare per il benessere del nostro pianeta. Non è facile cambiare le abitudini ma con un po’ di impegno ci sentiremmo più responsabili e partecipi del cambiamento. Questo ci rende fieri ed orgogliosi perché ci fa sentire di star facendo qualcosa di importante.

Molte iniziative sono già popolari anche se non tutti si impegnano a sufficienza; invece dobbiamo capire che tutto comincia da noi e se ognuno pensasse di essere insignificante e che il suo comportamento non faccia la differenza continueremo a nasconderci dietro delle scuse e a lasciare che del nostro pianeta e quindi del nostro futuro se ne occupi qualcun altro.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account