«Cambiate seriamente le cose o da qui in poi i giovani agiranno da soli»

Cosi viene definito il discorso della ragazzina svedese Greta Thunberg fatto il 23 settembre 2019 davanti ai membri dell’ONU sulle condizioni di oggi giorno del nostro pianeta.  Ma le sue parole avranno realmente scosso l’animo di tutti o è solo un’altra illusione? Si cercherà di migliorare o noi resteremo sempre gli stessi?

«Cambiate seriamente le cose o da qui in poi i giovani agiranno da soli» sono queste le parole di Greta che hanno spronato i giovani di oggi, colori i quali il 25 settembre 2019 hanno riempito le piazze di tutta Italia, di tutto il mondo. Non solo si sono spinti in massa con in mano un cartellone colorato, ma hanno urlato, si sono fatti sentire con lo scopo che il futuro di ognuno non sia solo una “sporca” illusione. «Questa volta sono gli adulti che ci hanno deluso», «Questa volta non ci fermeremo» aggiunge ancora Greta.

Tuttavia, per poter iniziare a vivere e non continuare a sopravvivere dovremmo impegnarci tutti. Il surriscaldamento globale, il forte inquinamento non si risolveranno mai da soli e mancano meno di dodici anni al momento in cui non avremo più la possibilità di rimediare ai nostri sbagli. Dovremmo abituarci ad avere uno stile di vita più responsabile, partendo da piccole azioni quotidiane. La fuori uscita di CO₂, secondi alcuni studi scientifici, dovrà diminuire del 50%. Bisognerebbe introdurre un’economia non fondata sul carbonio, iniziare a promuovere energie rinnovabili come quella solare, eolica o geotermica. Ci troviamo così in una situazione di emergenza, di grave pericolo; le parole continuano a non servire a niente finché non decidiamo di agire.

Greta Thunberg quindi non è una ragazzina viziata, una che crede nelle favole che le raccontano i più grandi; lei è coraggio, è amore e rispetto verso una cosa che tutti abbiamo in comune: la terra.

«Non voglio la vostra speranza. Voglio che proviate la paura che io provo ogni giorno. Voglio che agiate come fareste in un’emergenza. Come se la nostra casa fosse in fiamme. Perché lo è.»

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account