Al salone del libro di Torino c’è stata unaccesa polemica: la presentazione fatta da una casa editrice molto vicina a Casa Pound di un libro sulla vita del vice-premier Salvini da molti non è stata accettata.

Questa casa editrice si è presentata anche lanno scorso, ma la polemica è nata dal possibile legame che si è manifestato tra Salvini e la destra.

Nonostante le dichiarazioni del leghista sul non essere fascista, riesce abbastanza difficile credergli, soprattutto dopo un comizio dal balcone di Forlì, lo stesso usato da Mussolini per parlare al popolo.

Soprattutto questo dovrebbe essere visto come un atto ingiurioso perché, anche se non esplicitamente, sembra quasi certo che il Vicepremier abbia delle idee di destra.

Il fascismo si sta addentrando ovunque, dalle televisioni ai giornali, senza risparmiare le scuole.

Tanti sono i casi in cui si sente parlare di fascismo nelle scuole, che storicamente magari sono sempre state di sinistra. Molti ragazzi parlano, ma spesso non sanno neanche realmente cosa ha portato il fascismo in Italia, e quanto è stato distruttivo.

In Italia si sta facendo dietrofront sul piano politico, in quanto molte persone non vedono, o meglio, non vogliono vedere, quanto negli ultimi anni ci stiamo lasciando andare alla deriva.

Se non si cambia temo davvero un ritorno ad un passato che vorremmo dimenticare.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account