Ormai senza i rider quasi non potremmo vivere: sono parte integrante della nostra vista quotidiana, ci sono persone che non escono i quali più di casa perché tanto il cibo arriva direttamente seduti sul divano.

Tralasciando la loro condizione di sottopagati, contro cui da sempre si cerca di combattere, si sono ribellati per le mance, stilando quasi una lista di proscrizione contro certi vip che sono stati ritenuti tirchi, poiché non lasciano mance.

Io penso che su questo caso ci sia poco da discutere: la mancia non è obbligatoria, nessuna legge la impone.

Ma quello che più sta facendo scalpore è che è stata violata la privacy di parecchi utenti, tema che da sempre tocca anche Zuckerberg.

Soprattutto nell’ultimo periodo, in seguito a una richiesta di un antitrust tedesco, il giovane milionario è stato costretto a cambiare la norma sulla privacy per chiedere il permesso a far collaborare l tre gradi social network, Instagram, Facebook e Whatsapp.

Tema che è sempre molto discusso, tra dichiarazioni e revoche, ma che sembra impossibile da risolvere.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account