La privacy e una cosa importante, soprattutto se parliamo di minori.
La tutela dei dati personali e della privacy dei minori è diventata una materia legata alla necessità di rafforzare i diritti dei minori rispetto agli adulti, per cui il trattamento problema rilevante con l’avvento dei social network. La minore età, infatti, da parte delle aziende dei loro dati deve essere regolamentato in maniera differente.
In particolare parliamo quindi di social network. Ad oggi i principali social, come Facebook, Instagram, Whatsapp, Snapchat e Youtube, impongono l’età minima di iscrizione a 13 anni e prevedono che siano gli utenti stessi a segnalare eventuali minori che utilizzano il servizio cambiando, ad esempio, la data di nascita.
Come ad esempio, l’iscrizione a un servizio come quello di Facebook non è una semplice iscrizione a un social, bensì un vero e proprio contratto, con il quale l’utente acconsente a una profilazione aggressiva, non solo dei propri comportamenti, ma anche sulla propria persona.

Noi pensiamo che la privacy deve essere rispettata, soprattutto se parliamo di minori.

VERONICA RIVIELLO, SILVANA PETRILLO.

5+
avataravataravataravataravatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account