“Startup” è un termine che viene utilizzato frequentemente nel linguaggio giuridico, ma cosa significa?

Una startup è nuova impresa che presenta una forte dose di innovazione e che è configurata per crescere in modo rapido secondo un business model scalabile e ripetibile. Lavorare all’interno di una startup per iniziare è di gran lunga la cosa più importante che puoi fare. Le start-up della fase iniziale lavorano in modo molto diverso rispetto alle grandi aziende e vedere come gli altri imprenditori gestiscono gli alti e bassi di questa fase del business ha un valore immenso. Ti dà anche la possibilità di assumere diversi ruoli e uscire dalla tua zona di comfort, cose che sarai costretto a fare come fondatore.

«La startup è un’impresa temporanea destinata nella maggior parte dei casi a morire presto, oppure a essere acquistata e trasformarsi e, solamente in pochi casi, a “scalare” i mercati e diventare un’impresa», commenta Marco Bicocchi Pichi, presidente di Italia Startup, l’associazione nazionale che sostiene lo sviluppo del settore. Insomma, non tutte le imprese innovative fanno la fine di Facebook o di Spotify. Anzi, quelle di successo sono pochissime, si parla di meno del 5% a livello globale. Ma tentar non nuoce.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account