Come dimostrano le statistiche, l’Italia rappresenta il quartultimo paese Europeo per accesso a internet. E non è una novità che la fascia più anziana della popolazione sia poco pratica del mondo del network. Probabilmente anche per minore necessità di strumenti elettronici e tecnologici, chi non è nato nell’era digitale e non è abituato alla velocità e alla elasticità mentale che essa implica, farà sicuramente fatica ad adattarvisi. È forse nostro dovere educare gli adulti alla digitalizzazione? La risposta è senza alcun dubbio affermativa e non mancano oltretutto gli strumenti per farlo. Se ognuno di noi giovani si proponesse di insegnare ai propri genitori o nonni gli strumenti basici per le operazioni in rete, otterremmo con buona probabilità ottimi risultati! I giovani, digitalmente alfabetizzati, rappresentano davvero una fonte di sapere innovativa per l’altra porzione di popolazione, una conoscenza legata più ad abilità pratiche, ormai impossibile da trascurare. Questo tema può dunque rappresentare un punto di riflessione per fare attenzione nella vita di tutti i giorni all’educazione digitale delle persone a noi vicine, che compongono, nella loro totalità, più di metà della popolazione italiana.

1+
avatar
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account